Wanted

0
283

di Re. Co.

Forse qualcuno si sarà accorto che Giuliano Pisapia e il suo Campo progressista, dopo la rottura con Mdp, sono scomparsi dai riflettori dei giornali. Servivano per alimentare lo scontro all’interno della sinistra – sinistra, nel momento in cui questo ruolo si è esaurito il personaggio e il suo gruppo perdono interesse. L’esito con ogni probabilità sarà quello – nel momento in cui Renzi è disponibile accoglierlo come ininfluente vassallo e non è disposto a rendere contendibile la leadership della coalizione – di fare come, si dice oggi, un passo di lato. Strano destino quello di un uomo che il giorno dopo della rottura con Speranza, Bersani e soci sprezzantemente li rampognava di voler fare un partitino del 3% e che viene accreditato dalla Renzi girl Maria Teresa Meli con un potenziale elettorale dello 0,5%, utile comunque ma tutt’altro che decisivo per far vincere il “centrosinistra”. Intanto il segretario democratico lo prendeva a schiaffoni con il Rosatellum e con l’ordine del giorno sulla Banca d’Italia. Insomma può darsi che Tabacci, Smeriglio, Furfaro, Ferrara, ecc. trovino posto in un listone a trazione Pd, ma l’operazione immaginata dall’ex sindaco di Milano è fallita, ammesso e non concesso che avesse qualche possibilità di riuscita. Un conto è infatti proporla in una città e un altro è proiettarla in sede nazionale, specie dopo che i sindaci arancione sono ormai ridotti a qualche unità. Il quadro è destinato a complicarsi dopo le elezioni sicilane se Claudio Fava avrà una affermazione e otterrà una percentuale di voti non esigua. Certo, le elezioni regionali non sono un test nazionale, ma saranno significative per sondare le potenzialità dei diversi schieramenti e se la sinistra- sinistra riesce a dimostrare che è autosuffciente sarà difficile immaginare rappattumamenti dell’ultima ora, specie con un interlocutore indisponibile a darle spazio e ruolo. Insomma se potessimo dare un consiglio a Pisapia lo inviteremmo a farsi da parte. Sarebbe meglio per tutti, ma in primo luogo per lui.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO