Il Pd umbro e la coalizione fantasma

0
216

 

Strana coalizione il centrosinistra umbro. Gli alleati del Pd, almeno quelli di sinistra, non se la sentono di correre in campagna elettorale. I socialisti, forti del loro 3,5% e delusi dal fatto che nessuno di loro sia stato candidato in qualche collegio uninominale, hanno dichiarato sciopero, non parteciperanno ai comitati unitari e si asterranno dal partecipare alla campagna elettorale. Lo hanno deciso all’unanimità in un’assemblea regionale, dichiarando: “Si vede che i nostri voti non servono”. Vero è che un conto sono le dichiarazioni di iscritti e dirigenti e un altro i voti degli elettori e, tuttavia, la cosa è un ulteriore sintomo di uno scollamento destinato a pesare nelle prossime comunali. D’altro di Verdi non ce ne sono molti e di seguaci di Santagata ce ne sono ancora meno. In sintesi nella lista di “Insieme” non ci sono umbri o perlomeno non ci sono umbri conosciuti.  Simile è la situazione dei radicali. L’Associazione perugina ha deciso che la lista di “+Europa” non li rappresenta e anche loro hanno affermato che non parteciperanno alla camgna elettorale. Le liste sono fatte con romani e comunque persone non umbre. Infine  Civici e popolari; il capolista alla Camera è Monni, già di Forza Italia, al  Senato Cicchitto, anche lui già sodale del Cavaliere. In conclusione gli alleati del Pd in Umbria vengono in buona parte da fuori, se li cerchi in regione ne vedi pochi e quei pochi che ci sono non scaldano il cuore degli elettori. Insomma in Umbria la coalizione di centrosinistra coincide con il Pd, dove peraltro disimpegno e malumori continuano a perdurare anche dopo la consegna delle liste. Probabilmente questa “solitudine” gli sottrarrà voti, forse non tanti, ma sufficienti– soprattutto all’uninominale – a  fargli perdere oggi qualche seggio, domani a contribuire – in particolare quelli socialisti – a impedire riconferme e riconquiste di amministrazioni locali. E’ anche questo un sintomo della crisi del sistema politico locale.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO