Presentazione di “Essere Rossana Rossanda”. Un docufilm di Mara Chiaretti in Cineteca a Bologna

0
240

La regista Mara Chiaretti con Sergio Caserta, Loris Campetti e Franco Bifo Berardi alla prima del film su Rossana Rossanda della regista Mara Chiaretti tenutasi alla cineteca di Bologna il 7 maggio 2017. Anna Fiaccarini presenta l’incontro.

Il docufilm “Essere Rossana Rossanda” è una intervista alternata e documenti d’archivio rari sulla sinistra extraparlamentare .

Alla Cineteca di Bologna ha avuto luogo 1 maggio 2017), dopo essere stata in altre città l’affollata proiezione di ‘Essere Rossana Rossanda’, il documentario di Mara Chiaretti sulla ex dirigente del Pci e cofondatrice del Manifesto, oggi 92enne.
Il doc ricostruisce l’avventura politica di Rossanda, con l’ausilio di cinque interlocutori (Carlo Freccero, Philippe Daverio, Sandro Lombardi, Fabrizio Barca e Nadia Fusini) che con lei ripercorrono alcune tappe fondamentali: dalla sua esperienza di partigiana all’ingresso nel Pci, dal rapporto con Togliatti alla radiazione dal partito, dal ’68 al rapporto con il movimento femminista, dalla fondazione del ‘Manifesto’ al suo addio al giornale nel 2012, annunciato da lei stessa con un breve articolo in prima pagina, nel quale prendeva atto della “indisponibilità al dialogo” della redazione.
Ma il film di Mara Chiaretti riesce ad indagare la Rossanda da un punto di vista non solo politico (“era il mio obiettivo ma è stato difficilissimo da realizzare perché a Rossana interessava parlare solo di politica”, confessa la regista): così viene fuori ad esempio che l’ex dirigente del Pci, pur essendo atea, frequentava assiduamente l’eremo di Monte Giove dove partecipava a intere giornate di confronto fra credenti e non credenti; o che avrebbe tanto desiderato assomigliare ad Ava Gardner, perché il suo sguardo lasciava intendere che oltre alla bellezza possedesse una certa personalità; che si interessava alla pop art, così poco in voga tra i ‘comunisti del secolo scorso’, e che dedicava grande attenzione al suo aspetto (“io e una mia amica di Genova fummo tra le prime nel partito ad utilizzare un poco di ombretto”) e alla moda.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO